Friday, November 27, 2009

Devi Essere Sordo per Capire...


Io non sono sorda ma mio figlio lo e', e tante volte vorrei essere dentro la sua testa per capire certe sfumature in modo migliore.

Devi essere sordo per capire...
(Grazie Lorenzo...molto interessante)
Che cosa c’è di più terribile che “sentire” una mano?

Devi essere sordo per capirlo!

Che cosa c’è di più terribile che essere un bambino,
a scuola, in una stanza vuota di suono
con una maestra che parla e parla e parla;
e che quando ti viene vicino
si aspetta che tu abbia capito le sue parole?

Devi essere sordo per capire.

O quando la maestra pensa che per farti felice
basti insegnarti a parlare con la tua voce;
come se tu fossi un giocattolo nelle mani di un bambino ignaro
che ti strapazzi per ore ed ore senza fine e pietà,
prima che venga fuori un verso che assomigli a un suono?

Devi essere sordo per capire.

Che cosa c’è di più terribile che avere la tentazione di conoscere
tutte le verità del mondo
e di volerle conoscere con le tue sole forze,
e poi scoprire che questo tuo desiderio è destinato
ad andare in fumo
e allora ti rivolgi a un fratello, a una sorella, a un amico
perché ti guardino per darti una risposta
e che invece ti dicono, “Ma di che t’impicci, lascia perdere!”?

Devi essere sordo per capire.

Che cosa c’è di più terribile che starsene in un angolo in castigo,
pur sapendo di non aver fatto niente di male,
se non di esserti azzardato a usare le mani
per comunicare a un fratello del silenzio
un pensiero che ti è venuto in mente proprio in quel momento?

Devi essere sordo per capire.

Che cosa c’è di più terribile che vedere qualcuno gridare,
qualcuno che è solo convinto di aiutare a sentire;
e interpretare male le parole di un amico
che non vuole far altro che aiutarti a capire,
mentre tu credi che voglia prenderti in giro?

Devi essere sordo per capire.

Che cosa c’è di più terribile di quando ti ridono in faccia,
solo perché tu cerchi di ripetere le parole degli altri
proprio per essere sicuro di aver capito bene,
e poi ti accorgi che non avevi capito niente
e allora vorresti gridare, “Ti prego, fratello, aiutami!”?

Devi essere sordo per capire.

Che cosa c’è di più terribile che pendere dalle labbra
di qualcuno che sente per te al telefono un amico;
e far telefonare a una ditta
ed essere costretto a svelare le tue cose più intime,
e poi scoprire che le tue parole
non sono state “tradotte” chiaramente?

Devi essere sordo per capire.

Che cosa c’è di più terribile che essere sordo e solo
in compagnia di quelli che possono sentire
e tu non puoi far altro che tirare ad indovinare mentre si cammina,
perché non c’è nessuno che ti tenda una mano
mentre tu cerchi di destreggiarti fra le parole e i suoni?

Devi essere sordo per capire.

Che cosa c’è di più terribile che incontrare per strada
uno sconosciuto che all’improvviso apre la bocca
per chiederti qualcosa
le parole corrono veloci sulle sue labbra
e tu non riesci a capirci nulla,
perché lui non sa che tu ti sei smarrito a rincorrere la sua voce?

Devi essere sordo per capire.

Che cosa c’è di più terribile che capire
le agili dita dei sordi che descrivono una scena
e che ti fanno sorridere ed essere sereno
con la « parola parlata » di una mano che si muove
e che ti aiuta in qualche modo a far parte del mondo?

Devi essere sordo per capire.

Com’è terribile sentire. una mano.

Sì, devi essere sordo per capirlo!

(WILLARD J. MADSEN, poeta sordo americano)

4 comments:

Lidia said...

No. Non mi riconosco in questo vittimismo, nell'ergere barriere "tu non puoi capire". Gli altri non sono sordi? Bene mettiti con santa pazienza, spiega, rispiega trova gli strumenti adatti.

Jodi Cutler Del Dottore said...

Daccordo...credo che nemmeno Jordan si autoidentifica del tutto, ma un po' si'...sempre un viaggio diverso e'.
Bacione

Lidia said...
This comment has been removed by the author.
Lidia said...

Sì Jodi sempre un viaggio diverso è, come diverso è il percorso di ciascuno di noi udenti e non. Non se se hai letto quella mia storia che ti mandai mesi fa, lì spiego da un lato il soffrire per la sordità, dall'altro il non voler cambiare, sentirsi orgogliosi di essere così come si è, in questo senso ho rifiutato per anni l'IC e capisco molto bene oggi quelli che continuano a rifiutarlo (tanto più che potrebbero andare incontro a scarsi successi).
Ma tutto questo non c'entra con il "non puoi capire". Quella è solo una barriera. Un po' l'operazione che fa il tuo amico nel vlog mettendo solo video senza sottotitoli. Ok non possiamo capire noi che non conosciamo la LIS ma voi perchè non fate uno sforzo per spiegarvi? Così difficile mettere un breve commento?
Ora la mia non è una critica al vlog in sé visto che "a casa sua" ognuno è libero di fare quel che vuole, anzi credo sinceramente che per la loro comunità il vlog sia un utile strumento, e bene hai fatto tu a linkarlo e a chiedere l'amicizia su facebook, soltanto se uno mette video incomprensibili ai non segnanti non si lamentasse poi che gli altri non capiscono